Panoramica sulle Nuove Dipendenze

Panoramica sulle Nuove Dipendenze

COS’E’ LA DIPENDENZA

La dipendenza è un fenomeno estremamente complesso e investe l’individuo a vari livelli:

a livello comportamentale si manifesta nella ricerca di una sostanza o nella ripetizione di un determinato comportamento; mentre a livello psicologico invece il soggetto è completamente assorbito dall’oggetto della dipendenza tanto da non riuscirne a farne a meno e trascura le relazioni affettive, sociali e il lavoro. Le conseguenze negative che ne derivano si ripercuotono nell’intero funzionamento della vita dell’individuo, provocando una condizione di sofferenza generale, estesa anche al suo contesto di appartenenza.

 

COSA SONO LE NUOVE DIPENDENZE?

Le Nuove Dipendenze o New Addictions sono quei comportamenti o attività socialmente accettate che diventano per l’individuo oggetto di dipendenza. Non è implicata alcuna sostanza chimica ma si va a creare una relazione problematica o patologica tra soggetto, oggetto e contesto in cui sono entrambi inseriti.

Tra le News Addictions troviamo la dipendenza da:

internet, telefonino, shopping, lavoro, sesso, relazioni affettive, gioco d’azzardo, cibo.

Per la maggior parte delle persone questi comportamenti rientrano nella normale routine quotidiana mentre per altri assume caratteristiche patologiche.

 

Dipendenza da Internet (Internet Addiction)

La Dipendenza da Internet è un fenomeno complesso poiché da origine a diverse forme di dipendenza dalla Rete. Internet dà la possibilità di accedere a diversi servizi online e a diverse attività che possono soddisfare i propri bisogni, questo comporta a livello patologico forme specifiche di dipendenza:

  • Cybersex addiction, si intende per sesso virtuale, fruizione di materiale pronografico, incontri nelle chat erotiche, masturbazione, ecc.
  • Cyber relational addiction, è la dipendenza dalle relazioni virtuali intesa come il bisogno di instaurare relazioni amicali o amorose con persone incontrate online. Nella realtà questa forma di dipendenza si chiama love addiction.
  • Net compulsions, la messa in atto di diversi comportamenti compulsivi come il gioco d’azzardo online, la partecipazione ad aste online e il commercio in Rete.
  • Information overload o sovraccarico cognitivo, le persone ricercano numerose informazioni online al fine di avere le idee più chiare e prendere scelte adeguate, invece l’accesso a tante informazioni non ne permette un buon uso.
  • Computer addiction, questa categoria si riferisce alla pratica dei giochi interattivi virtuali (MUD’s) nei quali i partecipanti giocano contemporaneamente  e interagiscono tra loro. I MUD’s sono coinvolgenti perché permettono al protagonista/giocatore di costruirsi un’altra identità e nascondere la propria. L’anonimato (fattore di rischio della dipendenza online) permette al giocatore di esprimere se stesso e inventare personaggi che sostituiscono la vera personalità.

 

Dipendenza dal Gioco d’Azzardo (Gambling)

Il Dipendente dal Gioco d’Azzardo ha un impulso irrefrenabile e incontrollabile per il gioco, al quale si accompagna una forte tensione emotiva ed una incapacità, parziale o totale, di ricorrere ad un pensiero riflessivo e logico.

Ci sono tre tipologie di giocatori (Alonso Fernandez F., 1996, Dickerson M., 1993):

  1. il giocatore sociale che è mosso dalla partecipazione ricreativa, considera il gioco come un’occasione per socializzare e divertirsi e sa governare i propri impulsi distruttivi;
  2. il giocatore problematico in cui, pur non essendo presente ancora una vera e propria patologia attiva, esistono dei problemi sociali da cui sfugge o a cui cerca soluzione attraverso il gioco;
  3. il giocatore patologico in cui la dimensione del gioco è ribaltata in un comportamento distruttivo che è alimentato da altre serie problematiche psichiche.

 

Dipendenza da Telefonino:

 

I dipendenti da telefonino si presentano nelle seguenti tipologie:

 

 

  • i dipendenti dell’sms, hanno il continuo bisogno di inviare e ricevere messaggi di testo, spesso dimostrano un callo al pollice o hanno il tastierino consumato, e usano il T9 per scrivere velocemente. L’umore della giornata dipende dal numero di addebiti ricevuti (non meno di due), si inviano messaggi a se stessi o persone nell’immediata vicinanza.
  • I dipendenti del nuovo modello, acquistano continuamente nuovi modelli di cellulare spendendo grandi somme per avere un modello con tante funzioni.
  • Gli esibizionisti del cellulare, queste persone prestano molta attenzione al colore e al design, sono continuamente con il cellulare in mano mostrando agli altri le funzioni del loro apparecchio. Quando telefonano lo fanno a voce alta o quando ricevono una chiamata fanno squillare a lungo il telefonino per farlo sentire a tutti i presenti.
  • I game players sono caratterizzati da un eccessivo interesse per i giochi e trasformano il proprio telefonino in una console.
  • Gli affetti da SCA sono i soggetti colpiti dalla Sindrome da Cellulare Acceso (SCA), hanno il terrore di avere il telefonino spento e portano con sé sempre una batteria carica di scorta per evitare di rimanere all’improvviso senza telefonino.

 

 

Dipendenza da Lavoro:

Il Dipendente da Lavoro o Workaholic è una persona il cui bisogno di lavorare è talmente eccessivo da creare notevoli disagi ed interferenze nello stato di salute, nella felicità personale, nelle relazioni personali e nel suo funzionamento sociale. Cerca di alleviare sentimenti di ansia, vuoto e bassa autostima dedicandosi completamente al lavoro cercando di fare molto per avere la sensazione di valere molto.

 

Dipendenza Affettiva (Love Addiction)

I dipendenti affettivi manifestano l’amore in modo ossessivo, evitano il rischio di cambiamenti, spesso manca una vera intimità, si cerca la devozione dell’amato. I dipendenti affettivi sono stati ostacolati nella crescita e nel loro sviluppo e associano se stessi all’identità della persona amata. Hanno timore per i cambiamenti, sopprimono ogni desiderio, interesse e non hanno fiducia nelle proprie capacità individuali. Sono, inoltre, ossessionati da bisogni impossibili e da aspettative non realistiche.

 

Dipendenza da Sesso (Sex Addiction)

Il dipendente sessuale instaura una relazione distorta in grado di modificargli l’umore con le cose o le persone (Carnes, 1991) e, quindi passa attraverso fasi nelle quali si ritira dagli amici, dalla famiglia e dal lavoro. La sua vita segreta diventa più reale di quella pubblica arrivando a provare sentimenti di vergogna e trovandosi sradicato dalla realtà. In questo caso la dipendenza sessuale diventa una forma di malattia.

Tale forma di dipendenza permette al soggetto di fuggire dai sentimenti negativi, dalle relazioni intime che non è in grado di gestire, diventando così il bisogno fondamentale.

 

Shopping Compulsivo (Compulsive Shopping)

Lo shopping compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi, caratterizzato dalla spinta irrefrenabile ad entrare in un qualsiasi negozio per acquistare oggetti inutili, molto costosi e di cui non si ha la reale necessità.


Vi sono delle condizioni che fanno dello shopping un comportamento anomalo e preoccupante:

– le spese sono eccessive, cioè molto al di sopra delle possibilità economiche di chi acquista;

– lo shopping si ripete più volte alla settimana;

– la mania degli acquisti compare come abitudine nuova;

– il piacere è nell’atto di spendere e non nel possesso dell’oggetto;

– si comprano cose di cui non si ha bisogno e che poi vengono riposte in casa, ancora impacchettate;

– la persona diventa schiava del suo comportamento: non comprare provoca gravi crisi d’ansia, panico e frustrazione;

– la persona si sente invasa dai sensi di colpa e di sconforto che spinge a nascondere gli acquisti dagli sguardi indagatori dei familiari o di eliminarli facendo regali per dimenticarsene al più presto.

 

Dipendenza da Cibo

La Dipendenza da cibo può comprendere anche episodi di vere e proprie abbuffate, con consumo di grandi quantità di cibo, come nella classica bulimia, ma non è necessariamente così. L’alterato rapporto con il cibo, vissuto in maniera eccessivamente urgente e intensa, si può esprimere nei seguenti modi:

  1. Mangiare più velocemente del normale, con il risultato di gustare di meno il cibo stesso
  2. Mangiare anche quando ci si sente pieni. Alcuni usano magari bevande o alcol o caffè per favorire un rilassamento o uno svuotamento dello stomaco in maniera da poter introdurre ancora cibo, o al limite il vomito autoindotto.
  3. Mangiare senza avere più la capacità di distinguere tra fame e sazietà (mangiare senza fame).
  4. Compiacersi nell’immaginarsi mentre si consuma cibo, pensare mentre si compiono altre attività a quando si andrà “finalmente” a mangiare.
  5. Accorgersi che le proprie spese per il cibo, e anche il tempo dedicato al mangiare stanno aumentando in maniera imbarazzante.
  6. Mangiare in maniera solitaria, con la tendenza a mangiare di meno quando si è altri.

Dott.ssa Michela Romano

Psicologa e Psicoterapeuta

Leave a Comment